Smart working Stage

Aggiornato il: set 3

1 Luglio 2020. Per la prima volta in vita mia mi trovo ad ospitare due stage in smartworking. In seguito alla pandemia e al lockdown dovuti al Coronavirus le disposizioni statali date dai vari decreti e dpcm vari, hanno consentito una trasformazione digitale dei metodi formativi ed educativi: una riorganizzazione e reinvenzione delle modalità di lavoro e apprendimento finora usate, con l’utilizzo di piattaforme e tecnologie adatte al tipo di necessità. Ed eccomi qui a gestire, per conto di un’agenzia formativa della regione Lombardia, due stage.

Cosa significa fare uno stage smart?

Lo stage è un’attività formativa, dove lo stagista impara guardando lavorare e sentendo le spiegazioni di chi ha più esperienza, assimila simulando le attività e svolgendole poi, sotto gli occhi vigili del tutor. Come sopperire a questo bisogno educativo? Come poter mettere le stagiste in condizione di smart working?

Una piattaforma per la comunicazione sincrona con tool per le videoconferenze per permettere alle persone di confrontarsi, porre domande veloci o chiedere un chiarimento, per potersi vedere con una certa frequenza, discutere e cooperare nei progetti. Così facendo ci sarà da parte loro l’apprendimento di nuove competenze sia digitali, che di co-working e resilienza per il mondo in trasformazione in cui ci troviamo. Con la stessa modalità mi sarà possibile far partecipare le stagiste agli incontri con i clienti e partner di progetto, ricreandoli nelle stanze virtuali, come se fossimo on-site.

Le due dottoresse seguiranno lo stage ognuna dal proprio domicilio, Monza e Ventimiglia. La soluzione al gap spazio-temporale è l’utilizzo di un software collaborativo client/server che fa sia da strumento di comunicazione asincrona, che consente di scrivere contenuti più strutturati generalmente pubblicati in ordine cronologico, sia da strumento che consente l’archiviazione di documenti, immagini, file, ecc. Su questa piattaforma potremo condividere informazioni, processi e aggiornamenti. L’uso di piattaforme come queste permettono alle ragazze in stage di collaborare e condividere non solo gli spazi, ma soprattutto le idee per lo svolgimento del lavoro full remote.




Io lavoro Smart

Testiomnianza di un'accelerazione digitale all'epoca del CoronaVirus

Vuoi ricevere i miei aggiornamenti via email?

Stefano Poletti

www.stefanopoletti.it

Telefono: 339.1073483

© 2020 by Stefano Poletti